#Syria #Aleppo #liberazione #opposizione #terroristi #TagliagoleModerati #MSF #proteste #EliteDelDissenso

Nota delle Admin: Non è un caso se abbiamo inserito l’hastag #EliteDelDissenso. A tal proposito consigliamo di leggervi “LA FABBRICA DEL DISSENSO

1

Un’ottantina di persone al presidio “Solidarietà alla popolazione siriana” davanti a Montecitorio (di seguito il video) indetto da Médecins Sans Frontières. Anche con parole d’ordine condivisibili, come “Il diritto alla fuga dei civili intrappolati nel conflitto per cercare sicurezza e protezione”.

Peccato che, nel suo comizio, il rappresentante di MSF si sia dimenticato di menzionare i corridoi umanitari aperti (numerose volte) dall’esercito siriano per permettere alla popolazione civile di Aleppo est di scappare e che sono stati resi vani dai “ribelli” che sparavano su chiunque da Aleppo est tentasse la fuga.

E peccato che MSF non abbia menzionato l’amnistia varata dal governo di Damasco che sta facendo arrendere innumerevoli “ribelli” scongiurando così un bagno di sangue.

E peccato che MSF non abbia menzionato i 19 giorni di tregua dei bombardamenti nei quali i “ribelli” hanno continuato a lanciare missili e colpi di mortaio sul resto della città.

E peccato che MSF faccia risalire l’assedio al mese di luglio (da quando è cominciata la liberazione della città) e non già al 2012, quando, cioè, trasformando la popolazione civile in scudi umani, si sono asserragliati ad Aleppo est i “ribelli” (quasi nessuno siriano) graziosamente curati negli ambulatori gestiti da MSF.

E peccato che, ancora una volta, MSF tiri fuori la leggenda delle “trenta strutture sanitarie colpite ad Aleppo est” dimenticando di dire che queste, per volontà stessa di MSF, volutamente non avevano nessun vessillo che ne permettesse l’identificazione.

Del resto, sarebbe troppo pretendere da una organizzazione come Médecins Sans Frontières – fondata da Bernard Kouchner, divenuto ministro della difesa di Sarkozy e artefice della guerra alla Libia – che la guerra alla Siria ha contribuito ad alimentare. Ad esempio, con bufale come questa o questa (NdA: leggere attentamente gli ultimi due allegati linkati) .

 

 

Francesco Santoianni

 

7/12/2016 – lantidiplomatico.it

Annunci