#Yemen #SaudiArabia #ArabiaSaudita #bombe #ExportArmi #Italia #RobertaPinotti #PaoloGentiloni #CostituzioneItaliana #violazione #ReteItalianaDisarmo #Opal #Domusnovas #RWM #inchiesta

1

Aperta un’inchiesta, per ora contro ignoti, sul traffico di bombe che dall’Italia, in particolare dalla provincia di Brescia, sarebbero giunte all’Arabia Saudita.

La procura ha preso in mano l’esposto  del 27 gennaio scorso depositato  in procura dagli esponenti della rete italiana per il disarmo. Gli ordigni sarebbero partiti da Cagliari per essere utilizzati da Riyad nel conflitto contro lo Yemen, teatro di continue violazioni dei diritti umani. Il reato ipotizzato è la violazione della legge che vieta l’esportazione di armi verso i Paesi belligeranti.

Nel mirino, l’azienda che gli ordigni li produce, la Rwm di Ghedi, filiale del colosso tedesco Rheinmetall, che conta uno stabilimento anche in Sardegna, da dove sarebbero uscite. Già disposta l’acquisizione della documentazione, già informati i ministeri di Esteri e Difesa. Ipotesi di reato ed eventuali responsabilità sono tutte da ricostruire.

Con noi Giorgio Beretta, della Rete per il Disarmo. Ascolta o scarica [Download

 

8 ottobre 2016

Fonte: radioondadurto.org

Advertisements