#Yemen #Sanaa #SaudiArabia #ArabiaSaudita #SaudiCrimes #guerra #Stop2Saudi #StopArmToSaudi #StopWarInYemen #SaveYemen #RobertaPinotti #ReteDisarmo #Opal #AmnestyInternational #UNHRC #HRW #ICC #CPI #NotInMyName –

Nota delle Admin: Lo ribadiamo, la nostra ministra della Difesa -e non facciamo nomi!- qualche giorno fa era a Riyad a firmare contratti di “affari” con questi macellai criminali … E NON IN NOSTRO NOME!!!

*** *** ***

Si contano oltre un centinaio di morti nell’ultima strage in Yemen, nella capitale Sana’a. In bilancio è provvisorio considerate le condizioni disperate di molti degli oltre 550 feriti.

A colpire con un raid aereo sarebbero stati i caccia della coalizione sunnita a guida saudita. Lo denunciano i ribelli sciiti Houthi. Le bombe hanno centrato una sala dove era in corso un funerale del padre di un esponente di spicco dei ribelli.

“Gli aerei hanno colpito due volte – dice un testimone – Non sappiamo quante vittime ci sono, ma sono tantissimi civili feriti”.

La bombe lanciate sull’area hanno lasciato terra bruciata. La coalizione a guida saudita ha smentito di essere responsabile della strage. Ma già in passato i raid avevano centrato obiettivi civili, come l’ospedale a Abs di Medici senza Frontiere, colpito lo scorso agosto. Nell’attacco sono morte 19 persone, tra pazienti e personale medico.

 

8 ottobre 2016

Fonte: euronews.com

Annunci