#Yemen #Sanaa #SaudiArabia #ArabiaSaudita #SaudiCrimes #guerra #Stop2Saudi #StopArmToSaudi #StopWarInYemen #SaveYemen #RobertaPinotti #ReteDisarmo #Opal #AmnestyInternational #UNHRC #HRW #ICC #CPI #NotInMyName

sanaa

Un nuovo raid aereo saudita durante la celebrazione di un funerale a Sana’a, capitale dello Yemen, ha provocato più di 160 morti e 320 feriti. La cifra dei morti e dei feriti (a ieri sera, NdA) sarebbe destinata a salire.

I missili lanciati da un aereo dell’Arabia Saudita, questo (ieri, NdA) pomeriggio, hanno colpito un edificio nel sud di Sana’a, dove era in corso il funerale del padre di Jalal al-Roweishan, ministro degli Interni del Consiglio politico supremo formato dal movimento popolare yemenita Ansarullah e dai sostenitori dell’ex Presidente Ali Abdollah Saleh.

1

Secondo i testimoni, le ambulanze hanno raggiunto il luogo dell’attacco e trasportato le vittime in un vicino ospedale. L’attacco ha distrutto anche l’edificio.

Le fonti ufficiali e ospedaliere non hanno ancora emesso le relazioni sul numero esatto di civili uccisi.

Fonte: Hispantv
8 ottobre 2016 – lantidiplomatico.it
Advertisements