#DonaldTrump #HillaryClinton #USA #presidenziali #PopoloAmericano #guerre #Syria #Yemen #Iraq #Ucraina #Libya #Media #CNN #mainstream #Rai #vergogna –

1

Sull’AntiDiplomatico non troverete una riga sulle dichiarazioni di Hillary Clinton e Donald Trump, due facce di un regime stanco, dominato da oligarchie sanguinarie e, in ultima analisi, noioso, ripetitivo, perfino banale come solo il male sa essere nelle sue forme più strutturate.

Non troverete una riga sul sondaggio della tv di stato, la CNN, che oggi viene citato come una Cassandra da tutti questi nostri poveri media coloniali nostrani. La CNN lavora per un’agenda precisa e le armi di distruzione di massa in Iraq ripetute come mantra deve avervi insegnato qualcosa.

Non troverete una riga sul dibattito di ieri, perché un paese in cui la candidata indipendente che rappresenta un cambiamento reale possibile per la nazione (e quindi per il mondo) non solo non viene invitata, ma non può entrare nemmeno dentro la sala in cui il tutto avviene, semplicemente non merita nessuna parola.

Non troverete nulla sul nostro sito, perché mentre i due ‘contendenti’ si scambiavano battute studiate con esperti della comunicazione e attori a tavolino da settimane, in Libia, Siria, Iraq, Yemen si moriva per le scelte passate, presenti e future di chi applica, per parafrasare Noam Chomsky, le forme di terrorismo più crudeli mai sperimentate dall’umanità.

Non troverete, infine, una parola sul dibattito di ieri perché se il mondo vuole emanciparsi, liberarsi e darsi una possibilità di un futuro di giustizia sociale, cooperazione tra popoli e pace reale, ogni popolazione deve riprendere in mano il proprio destino, smantellare tutte le istituzioni del Washington Consensus e isolare il regime più sanguinario dalla seconda guerra mondiale ad oggi. Lasciare il cambio al vertice a Washington nell’indifferenza che merita un così triste spettacolo, può rappresentare un primo passo.

P.s Questa l’ottima sintesi di Diego Angelo Bertozzi: “Vale più un colpo di artiglieria bel assestato dell’esercito siriano che un dibattito tra la Clinton e Trump. Da una parte c’è una lotta di liberazione, dall’altra la noia imperiale”.

LA REDAZIONE

 

27 settembre 2016

Fonte: lantidiplomatico.it

Annunci