#11settembre #911 #USA #SaudiArabia #ArabiaSaudita #risarcimenti #IngannoGlobale

Nota delle Admin: A nostro parete, crediamo che anche questa “buffonata” del rapporto di 28 pagine, tirato fuori dai cassetti dopo 15 anni e desecretato per incolpare gli “amici” sauditi”, faccia parte anch’essa dell’Inganno Globale a cui siamo stati tutti sottomessi. 

Dopo il Senato, il Congresso statunitense ha approvato in via definitiva una legge per consentire alle famiglie delle vittime dell’11 settembre di fare causa all’Arabia Saudita e chiedere indennizzi.

Ma Barack Obama ha già annunciato che porrà il veto sul provvedimento per evitare che entri in vigore.
Il presidente teme di compromettere le relazioni con uno dei principali alleati nel mondo arabo, inoltre vuole evitare di creare un precedente che spinga altri Paesi a fare causa agli Stati Uniti.

Però se le due camere torneranno ad approvare la norma bipartisan con una maggioranza di almeno due terzi, la Casa Bianca non potrà più opporsi alla sua applicazione.

Il sì del Congresso alla legge è arrivato a ridosso del quindicesimo anniversario degli attentati, che causarono quasi tremila vittime.

Un rapporto dell’intelligence, desecretato due mesi fa, ha fatto emergere responsabilità di elementi legati alle autorità saudite.

Riyad ha sempre negato ogni coinvolgimento.

 

9 settembre 2016

Fonte: euronews.com

*** *** ***

Nota aggiunta dalle Admin:

“Francesco Cossiga, presidente dell’Italia tra il 1985 e il 1992, dichiarò il 30 novembre 2007 al Corriere della Sera: “Ci fanno credere che bin Ladin abbia confessato l’attacco dell’11 settembre 2001 alle due torri di New York, in realtà gli Stati Uniti e i servizi segreti europei sanno bene che questo disastroso attentato fu pianificato e realizzato dalla CIA e dal Mossad, al fine d’incolpare i Paesi arabi del terrorismo e quindi poter attaccare l’Iraq e l’Afghanistan.” Alan Sabrosky, ex professore dell’US Army War College e dell’US Military Academy, non ha esitato a proclamare la propria convinzione che l’11 settembre sia un’”operazione tipicamente orchestrata dal Mossad” eseguita con complicità nel governo degli Stati Uniti. Le sue idee vengono riprese con forza da alcuni siti dei veterani dell’US Army, disgustati dalle guerre ignobili che gli hanno fatto combattere in nome dell’11 settembre o in nome delle armi di distruzione di massa di Saddam Hussein.”

Pezzo estrapolato da questo articolo del 10/7/2013 “11 Settembre 2001: Inside job o Mossad job?”, di Laurent Guyénot, su voltairenet.org

Advertisements