#Yemen #SaudiArabia #ArabiaSaudita #attacco #scuola #bambini #israele #trucchi #Gaza #UNRWA

1

“Quello che abbiamo bombardato non era una scuola”, ha dichiarato il portavoce militare dell’Arabia Saudita, il generale di brigata Ahmad al-Asiri, riferendosi all’attacco da parte della coalizione guidata da Riyadh contro una scuola nello Yemen, coalizione che ha provocato tra i 10 e 50 morti, come ha riferito, ieri, l’agenzia di stampa iraniana al-Alam.

Così Al-Asiri ha utilizzato il pretesto con cui il regime israeliano ha giustificato il suo attacco ad una scuola di Gaza dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA), il 23 luglio 2014. Dopo l’attacco, gli israeliani hanno affermato che il Movimento di Resistenza islamico della Palestina (Hamas) ha usato la scuola per scopi militari.

A questo proposito, Al-Asiri ha ribadito, quindi, che quella bombardata sabato scorso non era una scuola, ma un centro di addestramento militare di Ansarallah, il movimento popolare yemenita.
Allo stesso tempo, ha sostenuto che dell’attacco è responsabile Ansarallah che usa i bambini nella guerra sottolineando che quando un aereo bombarda un luogo, non fa differenza tra bambini e adulti.

Nel mese di marzo 2015, Riyadh ha lanciato un’offensiva militare contro il suo vicino meridionale, nel tentativo di riportare al potere Abdu Rabu Mansur Hadi, il suo stretto alleato.

Secondo le ultime statistiche delle Nazioni Unite (ONU), la guerra iniziata da Arabia Saudita in Yemen, nonostante il cessate il fuoco concordato lo scorso 10 aprile, ha provocato più di 32.000 vittime, per la maggior parte civili.

1

17 agosto 2016

Fonte: http://it.awdnews.com/political/con-i-trucchi-di-israele,-l-arabia-saudita-giustifica-l-attacco-alla-scuola-yemenita

Annunci