#afroamericani #AltonSterling #BatonRouge #Louisiana #omicidio #polizia #protesta #USA

batonrouge-640x300

Alton Sterling, 37 anni, afro-americano, padre di cinque figli. È lui l’ennesima vittima degli sceriffi dal grilletto facile.
L’uomo è stato ucciso dalla polizia a Baton Rouge, Louisiana, lo scorso 5 luglio e le circostanze assurde della sua morte hanno immediatamente scatenato la protesta di alcuni cittadini, con circa 200 persone che sono scese in strada per inscenare una piccola manifestazione.
Secondo la ricostruzione – in parte documentata da un video – Sterling era a bordo di un’automobile nei pressi di un ristorante quando intorno alle 12.30, quindi in pieno giorno, è stato fermato da una pattuglia intervenuta in base ad una segnalazione. Gli agenti lo hanno affrontato fuori dal veicolo e ne è nata una colluttazione. Di fronte alla resistenza dell’uomo gli agenti hanno prima cercato di immobilizzarlo usando una pistola elettrica, e poi lo hanno addirittura crivellato di proiettili, al petto e alla schiena, quasi a bruciapelo, nonostante Alton Sterling fosse già a terra, inerme e disarmato. Il filmato amatoriale girato da un telefono cellulare è impressionante, ricorda una vera e propria esecuzione a freddo.

Come di solito avviene in questi casi il Dipartimento ha sospeso temporaneamente dal servizio i due membri della pattuglia che si difendono affermando che l’uomo avesse con sé un’arma, ritrovata dopo l’omicidio a freddo, ma nella sua tasca. Il proprietario di un minimarket, che conosceva la vittima, ha raccontato che l’uomo non ha mai impugnato l’arma durante la colluttazione. “Stranamente” le body cameras che tutti gli agenti indossano al momento dell’esecuzione erano spente e quindi non sono disponibili le immagini di quanto avvenuto nella città costiera della Louisiana.
Una storia purtroppo consueta in un paese dove ogni anno oltre 1000 cittadini muoiono sotto il fuoco degli agenti. E non in tutti i casi di tratta di efferati criminali. Bisognerà vedere se il video girato con il cellulare da un passante basterà a far condannare o quantomeno licenziare i due poliziotti, evento assai raro in circostanze simili.

Qualche ora fa il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha comunque annunciato l’apertura di una inchiesta ufficiale su quanto accaduto a Baton Rouge.
“L’agenzia che guiderà l’indagine su questa questione sarà la divisione diritti civili del dipartimento della Giustizia degli Stati uniti, assistita dall’ufficio del procuratore della Louisiana e dall’FBI” ha detto il governatore, democratico, in una conferenza stampa. “Ho piena fiducia che la questione sarà indagata in modo esauriente, imparziale e professionale ed esigo che l’indagine sia condotta in questo modo” ha detto il leader politico.
L’esperienza concreta dei tanti casi di brutalità poliziesca degli ultimi anni sembrerebbe suggerire esattamente il contrario…

6 luglio 2016 – http://contropiano.org/news/internazionale-news/2016/07/06/louisiana-polizia-crivella-afroamericano-081382