#‎curdi‬ ‪#‎Cizre‬ ‪#‎Turchia‬ #Erdogan ‪#‎UE‬ #Hdp #DirittiUmani #ONU #CPI

Dopo il voto tedesco sul genocidio armeno, altra tegola su Ankara: l’Hdp invia le immagini della campagna militare a Cizre, 79 giorni di coprifuoco e 259 morti

curdi1

Il giorno dopo il riconoscimento del genocidio armeno da parte del parlamento tedesco, il presidente Erdogan smorza i toni furiosi di giovedì. Dopo aver richiamato l’ambasciatore, ieri ha fatto un passo indietro: la Turchia non prenderà misure fino al compimento di «una valutazione del contesto che ha portato a tale decisione – ha detto il neo premier Yildirim – Nessuno si aspetti una completa rottura dei rapporti».

curdi4

Ma l’Europa continua a dare grattacapi al presidente-sultano. O meglio, chi si rivolge a Bruxelles: giovedì il deputato del partito di sinistra pro-kurdo Hdp ha fatto recapitare ai parlamentari europei un libro di 92 fotografie che raccontano il terribile massacro di Cizre. Tra i target della campagna militare tuttora in corso contro il sud est turco, Cizre ha vissuto 79 giorni sotto coprifuoco e ha visto uccidere 259 civili, di cui 177 –dice l’Hdp– bruciati durante gli attacchi dell’esercito ad alcuni edifici dove la gente aveva trovato rifugio. Accadde a gennaio ma i cadaveri cominciarono ad emergere alla fine del coprifuoco, quando le famiglie cominciarono a rientrare accompagnate dalle telecamere.

curdi2

E l’operazione non cessa: da settimane nel mirino c’è Nusaybin, quasi del tutto distrutta dal fuoco turco e dalle fiamme appiccate agli edifici kurdi.

curdi3

curdi5

curdi6

curdi7

curdi8
Uno degli scantinati in cui sono stati ritrovati centinaia di curdi morti carbonizzati

curdi10

curdi9
Il cratere lasciato da una bomba di Erdogan

Di Chiara Cruciati – da il manifesto

6 giugno 2016

I curdi mandano alla Ue le foto del massacro di Cizre

* * * * * * * * *

Qui il video “CIZRE’DE KATLIAM VAR – IL MASSACRO DI CIZRE”

di Luigi D’Alife (Durata 17′ – Anno 2015) – Pubblicato da Vimeo nel marzo 2016

Cizre, estremo sud-est della Turchia. Il 4 Settembre 2015 un provvedimento del governatore di Sirnak dichiara lo stato di emergenza, un coprifuoco di 24 ore su 24 viene imposto a tutta la popolazione. Nessuno può uscire di casa, l’ospedale viene chiuso così come tutte le attività commerciali. Non c’è acqua nè corrente elettrica, i cellulari non funzionano, Cizre è isolata dal Mondo. Comincia l’assedio.
La cronaca di quanto accaduto nei 9 giorni di coprifuoco raccontata direttamente dagli abitanti di Cizre. Un viaggio per le strade dei quartieri dove si sono consumate gravissime violazioni dei diritti umani nell’attacco lanciato dall’esercito Turco contro uomini, donne e bambini che ha provocato 28 morti ed oltre 100 feriti.

REGIA E MONTAGGIO: Luigi D’Alife

TRADUZIONE: Xerip Siyabend

GRAFICA: Luigi Sorbilli

QUESTO VIDEO E’ DISTRIBUITO SOTTO LICENZA CREATIVE COMMO0NS 4.0
ATTRIBUZIONE – NON COMMERCIALE – CONDIVIDI ALLO STESSO MODO

 

Advertisements